Agevolazioni fiscali per studenti con disturbo di apprendimento

Luigia Avellino

By Luigia Avellino -

Il DDL di Bilancio 2018, attualmente in discussione alla Camera dei Deputati, dopo l’approvazione al Senato avvenuta giovedì 30 novembre, introduce tra gli ultimi emendamenti approvati, una nuova disposizione finalizzata all’ottenimento di agevolazioni fiscali a sostegno delle spese per gli studenti con disturbo di apprendimento DSA.

La nuova disposizione, finalizzata ad introdurre una nuova detrazione IRPEF, è attualmente contenuta nell’art.1, dai commi 361 a 363, del testo licenziato al Senato il 30 novembre scorso. La nuova detrazione modifica l’articolo 15, comma 1, del DPR 917/86, inserendo la possibilità di detrazione per le spese sostenute in favore di studenti con disturbo specifico di apprendimento, inserendo una nuova lettera e-ter.

Come si evince dal dossier studi del Senato e della Camera della Repubblica dal titolo “Gli emendamenti approvati dalla 5a Commissione”, del novembre 2017, viene in tal modo contemplata la possibilità di detrazione, dall’imposta lorda, di un importo pari al 19 per cento degli oneri sostenuti dal contribuente, se non deducibili nella determinazione dei singoli redditi che concorrono a formare il reddito complessivo, per le spese sostenute in favore dei minori o di maggiorenni fino al compimento della scuola secondaria di secondo grado, con diagnosi di disturbo specifico dell’apprendimento (DSA) per l’acquisto di strumenti compensativi e di sussidi tecnici e informatici, di cui alla legge 8 ottobre 2010, n. 170, sulle “Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico”, necessari all’apprendimento, nonché per l’uso di strumenti compensativi che favoriscano la comunicazione verbale e che assicurino ritmi graduali di apprendimento delle lingue straniere, in presenza di un certificato medico che attesti il collegamento funzionale tra i sussidi e gli strumenti acquistati e il tipo di disturbo dell’apprendimento diagnosticato.

E’ disposto che per tali oneri la detrazione spetti anche se sono stati sostenuti nell’interesse delle persone indicate nell’articolo 12, sulle detrazioni per carichi di famiglia, che si trovino nelle condizioni ivi previste. La nuova disposizione si applica solo alle spese sostenute dall’anno di imposta in corso al 31 dicembre 2018.

Entro il termine di 60 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge di bilancio 2018, saranno stabilite con decreto non dirigenziale dell’Agenzia delle Entrate le disposizioni attuative per la fruizione della detrazione in commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *